Loading...
Così li volle il cantautore De Andrè. Il romantico pergolato, gli alberi, le piante e i fiori, sono un inno alla terra. Il frutto di una cura attenta e di un amore intenso, che ancora oggi si respira.

Siamo nel cuore verde e pulsante dei 150 ettari della tenuta. Un’oasi rigogliosa dalle straordinarie geometrie floreali minuziosamente disegnate da Fabrizio De André che all’Agnata si scoprì fervido e appassionato giardiniere. Il giardino è un trionfo di vegetazione, un inno alla bellezza della natura, dei suoi colori e dei suoi profumi, tra betulle pendule e mandorli, limoni e asfodeli, sughere e ginestre. Fichi e camelie. Violette e gelsomini. Fu lui che fece rivestire la facciata del casale con la caratteristica vite canadese, ispirandosi ai ricordi dell’infanzia e della casa della nonna in Piemonte. Sempre lui coltivò l’orto confinante con il giardino e disegnò lo splendido pergolato di glicine e ficus, che fa oggi da ingresso all’hotel.

La musica di questo giardino è il fruscio degli alberi scossi dal maestrale. E’ lo zampillare dell’acqua nella vasca ricavata da un antico abbeveratoio per capre. E’ il rumore dei ruscelli che scorrono dietro la casa e confluiscono nel lago a due passi, circondato dalla macchia boschiva. Una musica senza tempo accessibile a chiunque abbia orecchie per ascoltarla.

Parliamo di giardino, ma forse dovremmo più propriamente chiamarlo… Eden.