Loading...
Un punto strategico e privilegiato per raggiungere le più affascinanti coste della Sardegna. Dalla vivace Costa Smeralda fino a Costa Paradiso e S. Teresa con Capo Testa e la Valle della Luna.

Chi sceglie la Sardegna come destinazione del proprio viaggio sa che qui il mare non è un dettaglio accessorio. Il mare in Sardegna è elemento primario, vitale. E’ lui che trasforma un litorale roccioso o un tratto di macchia mediterranea in un angolo di paradiso. E’ lui che accresce la suggestione dei luoghi, che regala emozioni quando arriva il tramonto e ci svela magiche sfumature.

L’Agnata sorge in un punto strategico per chiunque desideri regalarsi una giornata di mare. La posizione dell’hotel è ideale per raggiungere in mezz’ora d’auto le più affascinanti coste a nord, nord-est e nord-ovest dell’isola.

Come per esempio Costa Paradiso. La trasparenza delle sue acque è leggendaria e i suoi fondali sono ambita meta degli appassionati di immersioni. In questo tratto di costa, le calette sono la particolarità. Minute insenature che creano piscine d’acqua cristallina raggiungibili solo via mare, tutte diverse tra loro.

Immancabile anche una visita a Portobello, con la sua spiaggia lunga e bianca, perfetta per i bambini grazie alla sua leggera gradualità.

Verso nord si parte in direzione Capo Testa, con la bellissima Rena Maiori. Chilometri di spiaggia. Chilometri di dune. Mai affollata anche in piena estate, è la meta da scegliere per un break all’insegna della pace più assoluta.

Davvero spettacolare è il famoso promontorio di granito di CapoTesta, collegato alla terra da un istmo a 5 km a ovest di Santa Teresa Gallura. A caratterizzare il paesaggio sono qui i massi granitici, che dalla costa proseguono fin sin sotto il livello del mare. Nulla a che vedere con le spiagge sabbiose che attirano migliaia di persone. All’estremità del promontorio si trovano il faro e una zona pedonale, dove poter passeggiare.

E per un tuffo di mondanità, sempre in mezz’ora d’auto si raggiungono la vivace Olbia e le mille attrazioni della Costa Smeralda. Senza dubbio la parte più nota della Sardegna, il cui nome rende omaggio ai colori verdi e turchesi dei suoi mari, abbracciati da spiagge di sabbia finissima e bianca. Luoghi di divertimento di giorno e di notte, ma sempre caratterizzati da una selvaggia e orgogliosa natura, con rocce di candido granito dalle forme imprevedibili, e con spiagge, cale e insenature, dalla bellezza ineguagliabile. 
A unire in un patto indissolubile queste coste e queste spiagge anche molto diverse tra loro è la volontà di tutelarne la naturale bellezza, sublime e a volte maestosa. Intatta, ma mai impenetrabile. Selvaggia, ma mai inospitale. E’ la volontà di non cedere alla tentazione di divenire una devastante onda di cemento, ma scegliere invece di trasformare il territorio in un modello di sviluppo urbanistico per tutto il mondo del turismo balneare.